RICERCA UN PROGETTO







MEDIAZIONE LINGUISTICA E CULTURALE - CAT Cooperativa Sociale
93
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-93,ajax_updown_fade,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-17.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.5,vc_responsive
 

MEDIAZIONE LINGUISTICA E CULTURALE

CAT vanta il primato di avere nell’equipe figure qualificate che operano sul territorio proponendo modelli di intervento nell’ambito delle marginalità (prostituzione e tratta, in particolare). Questa impronta ha permesso di promuovere una metodologia innovativa in termini di formazione dei mediatori, di integrazione con le équipe di lavoro e di conoscenza dei fenomeni legati all’immigrazione, portando i concetti di comunicazione interculturale verso una metodologia e un’attenzione trasversali agli interventi della cooperativa. CAT da sempre valorizza la polivalenza del ruolo del mediatore culturale, considerandolo un valore aggiunto.

I servizi di Mediazione linguistica-culturale, interpretariato e traduzione gestiti da C.A.T. sono attivi in vari ambiti o contesti: sociali, sanitari, amministrativi, penitenziari, legali e educativi, in strutture, in strada e servizi a bassa soglia, presso sportelli, etc…

I mediatori che collaborano con CAT hanno sviluppato negli anni ambiti di specializzazione e competenze diversificate utili al posizionamento del servizio, grazie anche alla loro stabilizzazione, partecipazione a percorsi di aggiornamenti formativi e integrazione in alcune équipe della cooperativa, oltre all’adesione ad un codice deontologico costruito proprio grazie all’esperienza dei mediatori stessi e condiviso dai partners della cooperativa (Consorzio Metropoli, ARCI Firenze) con i quali sono gestiti alcuni servizi.

Referente: Leslie Mechi

Dislocazione sul territorio: Firenze, Toscana

Committenza: Comune di Firenze, ASL e AOU Careggi, Prefettura di Firenze