fbpx
RICERCA UN PROGETTO







Minoranze e Rom - CAT Cooperativa Sociale
35
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-35,bridge-core-1.0.6,ajax_updown_fade,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-18.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive
 

Minoranze e Rom

SERVIZIO PER MINORI E FAMIGLIE RESIDENTI NEI VILLAGGI DI VIA DEL PODERACCIO

CAT è impegnata con i gruppi familiari rom di Firenze dal 1999, prima nei campi e poi nei villaggi di Via del Poderaccio, con interventi di educativa di strada, facilitazione della scolarizzazione, promozione della salute e mediazione sociale tra gli abitanti e l’Ente locale. Le attività sono attualmente svolte in A.T.I da C.A.T e la Cooperativa sociale CEPISS. All’interno dell’A.T.I, CAT svolge il ruolo di capofila e di coordinamento.

Gli obiettivi principali  delle attività promosse sono quelli di: Favorire la piena scolarizzazione attraverso l’azione didattica, non esclusiva, ed educativa di sostegno col fine di raggiungere condizioni di pari opportunità; Prevenire la frequenza scolastica irregolare e l’abbandono scolastico per impedire l’insorgenza di situazioni di disagio; Facilitare le relazioni scuola-famiglia; Promuovere, in linea con le strategie dell’Unione Europea, il superamento dei campi rom; Favorire l’inserimento sociale dei minori rom e delle loro famiglie nella comunità territoriale; Monitorare la vita nei villaggi per prevenire possibili situazioni di disagio sociale ed abitativo. Ogni attività promossa viene programmata insieme alle famiglie interessate e all’ente locale.

Referente: Gilberto Scali

Committenza: Comune di Firenze

Dislocazione sul territorio: Territorio Fiorentino

 

PROGETTO NAZIONALE PER L’INCLUSIONE E L’INTEGRAZIONE DEI BAMBINI ROM, SINTI E CAMINANTI

La cooperativa CAT è coinvolta dall’AS 2013-14 nelle attività del “Progetto nazionale per l’Integrazione dei bambini rom, sinti e caminanti”, finanziato dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali in collaborazione con il MIUR. Il Progetto nazionale dall’AS 2017-18 è finanziato attraverso fondi strutturali europei, sempre tramite la supervisione del Ministero del Lavoro e delle politiche sociali, e dallo stesso AS le attività sono svolte in A.T.I da C.A.T e la Cooperativa sociale Il Cenacolo.

All’interno dell’ A.T.I, CAT svolge il ruolo di capofila e di coordinamento delle attività. Attività che si svolgono all’interno degli Istituti scolastici comprensivi Pirandello e Gandhi, facilitando la scolarizzazione degli alunni rom e sinti, tramite tecniche didattiche cooperative e spazi, non esclusivi, di socializzazione e di supporto allo svolgimento dei compiti.

Referente: Gilberto Scali

Committenza: Comune di Firenze

Dislocazione sul territorio: Territorio Fiorentino

 

PROGETTO ROMAPP

La cooperativa CAT, in collaborazione con la Cooperativa Cepiss e il Centro Zen di Firenze, intende con questo intervento, svolto con un piccolo finanziamento dell’Unione Buddisti Italiani, incrementare la partecipazione scolastica e formativa dei giovani studenti rom, in particolare considerando le difficoltà relative all’abitare in contesti di separazione dal sistema città, così come gli stereotipi che spesso sono un elemento di forte contrasto dei percorsi scolastici dei giovani rom e sinti. Riprendendo la metodologia “peer to peer”, già sviluppata all’interno del Progetto P.E.E.R. (Participation, Empowerment and Experiences for Roma Youth – European Commission, Justice 2013) tra il 2015 e il 2017, svolto in collaborazione con l’Istituto degli Innocenti di Firenze. Il Progetto RomApp intende rendere i giovani rom protagonisti attivi e portatori di conoscenze verso i loro coetanei rom e non rom innescando dinamiche positive di inclusione scolastica e formativa. Il fattore portante delle attività sarà dato dalla costituzione di un gruppo-redazione composto da formatori, operatori sociali e ragazzi/e rom e non rom, che si occuperà di elaborare e diffondere, tramite social media, le informazioni sull’accesso alla scuola, alla formazione professionale e alle possibilità insite nell’istruzione e nella formazione professionale in un’ottica di sostenibilità progettuale.

Referente: Sara Bacherini

Committenza: UBI (Unione Buddisti Italiani)

Dislocazione sul territorio: Territorio Fiorentino