fbpx
RICERCA UN PROGETTO







Grave sfruttamento lavorativo - CAT Cooperativa Sociale
61
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-61,bridge-core-1.0.6,ajax_updown_fade,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-18.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive
 

Grave sfruttamento lavorativo

Dal 2017 è attivo a Prato, all’interno del progetto SATIS, un progetto di ricerca-intervento sul grave sfruttamento lavorativo e il caporalato. La ricerca, effettuata a testimoni privilegiati (sindacalisti, referenti delle strutture per richiedenti asilo, mediatori culturali) e a lavoratori migranti in condizione di sfruttamento lavorativo, ha documentato e approfondito le forme di sfruttamento lavorativo e di caporalato nelle aziende del tessile-abbigliamento e in agricoltura.

Sono state effettuate attività di osservazione sul territorio e servizi di consulenza a gruppi e singoli a rischio di sfruttamento lavorativo. Da maggio 2018 è inoltre attivo uno sportello, presso il Comune di Prato, di informazione, consulenza e di emersione sul grave sfruttamento lavorativo.

Referente: Andrea Cagioni

Sede: Comune di Prato

Committenza: Dip. Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Regione Toscana – Area di coordinamento Inclusione Sociale, Cofinanziamento del comune di Prato.