fbpx
RICERCA UN PROGETTO
 

CENTRO JAVA, PROGETTO UAN, DEA

Negli anni CAT è intervenuta con un proprio modello di intervento nel mondo notturno e della movida. Nel 2001 nasce il Centro Java, Infoshop ispirato ai modelli inglesi e scozzesi, con lo scopo di favorire la diffusione di informazioni dettagliate sulle droghe. Situato nel centro storico di Firenze è un servizio di bassa soglia rivolto ai giovani interessati a ricevere informazioni in tema di sostanze psicoattive legali e illegali, e a instaurare dei rapporti di fiducia con gli operatori.

Il Centro coniuga le attività svolte nei luoghi di consumo con azioni di carattere culturale e educativo sul territorio urbano, fornendo uno spazio espositivo per mostre/eventi a disposizione della cittadinanza, attivando workshop e laboratori gratuiti (Djing, educazione cinofila e Qi gong) e consulenze psicologiche gratuite aperte a tutti.  Il Centro Java è divenuto un punto di riferimento nel territorio, una chill out urbana accogliente ed informale, in costante connessione con altri centri europei similari per monitorare e studiare la circolazione delle sostanze.

E’ aperto dal lunedì al venerdì dalle 15h.00 alle 19h.00.

Il venerdì e il sabato dalle 00.00 alle 05.00 il Centro Java diventa UAN – Urban After Night, uno spazio di decompressione, una chill out a disposizione di tutti nel centro della movida fiorentina. La posizione centrale consente di intercettare le persone che vogliono rilassarsi dopo una serata intensa trascorsa nei locali e dialogare con gli operatori della struttura, che garantiscono supporto psicologico, informazioni e consigli sull’uso di alcol e sostanze, fornendo strumenti di valutazione sulle proprie condizioni in vista dell’utilizzo di un veicolo. Infatti, all’interno della struttura è possibile effettuare l’etilometro.

Il progetto sperimentale DEA, situato all’interno del pronto soccorso dell’ospedale Santa Maria Nuova, ospedale centrale di Firenze, rappresenta una nuova appendice di tutti i progetti che operano durante la notte. Gli operatori, durante il fine settimana, aiutano i medici nella gestione dei ricoveri legati al consumo di sostanze. Il ruolo degli operatori di corridoio è quello di facilitare il lavoro dei medici nella gestione sanitaria del ricovero e nel riconoscimento delle sostanze assunte.

Referente: Federica Gamberale, Giacomo Del Sala

Committenza: Comune di Firenze, Regione Toscana

Dislocazione sul territorio: via Pietrapiana angolo via Fiesolana, zona S.Croce/ S.Ambrogio. Ospedale Santa Maria Nuova